Il rendiconto economico: una riflessione

I nostri attenti amministratori presentano qui un rendiconto economico del 2012. Il bilancio completo è già stato terminato e verrà consegnato in Curia,come ogni parrocchia è tenuta a fare. Come potete vedere vi è un avanzo di esercizio di 37.280 euro, dovuto soprattutto alla regolarità delle offerte in chiesa e all’attenzione alle spese. Un avanzo molto utile per noi in questo tempo in cui dobbiamo affrontare il gravoso lavoro di ristrutturazione della Chiesa. Dalle questue in chiesa e dalle offerte correnti si raccolgono 72.998 euro: è su questo numero che vorrei concentrare la mia attenzione. E’ il numero della fedeltà alla parrocchia. Il numero di chi sa e capisce che giorno per giorno si accende la luce, si utilizza il riscaldamento, si puliscono gli ambienti, si preparano i fiori, si pagano le tasse, si dispongono le manutenzioni ordinarie e straordinarie degli ambienti… Tra tutti i numeri delle entrate è questo il numero che deve crescere. Per la solita via che indico da anni e che fa tanta fatica ad essere recepita. La fedeltà alla piccola offerta è di tanti, ma molti ancora non ci pensano: non per cattiveria, ma per distrazione o per un’abitudine che abbiamo a dare tante cose per scontate. Penso, invece, che la qualità della nostra vita comunitaria e la possibilità di attivare altri progetti, anche di sostengo a chi è in difficoltà, dipenda molto da questa piccola fedeltà. Abbiamo chiesto molto nei mesi autunnali per far partire la ristrutturazione e tanti hanno risposto con molta generosità. Oggi, riflettendo sul rendiconto economico, mi sento di chiedere poco a tutti. Poco, pochi centesimi messi a disposizione da ciascuno sono il sostegno, il pane quotidiano di una parrocchia. Soprattutto perché ciò che abbiamo, siamo, facciamo è di tutti, non del parroco o di chi si impegna.

 

RENDICONTO ORDINARIO 2012
ENTRATE offerte USCITE spese
Offerte questue e correnti 72998,74 Per il culto 2255,24
Da celebrazione sacramenti 7728,08 Integrativi parroco e vice parroco 5484,50
Per la celebrazione delle messe 10195,00 Contributo alla diocesi 9250,00
Da iniziative di socializzazione 16250,82 Attività pastorali 7870,71
Da un lascito 1332,91 Utenze 25622,18
Per missioni e adozioni 253,00
Manutenzioni 10983,66
Per la carità alla porta 1794,00 Assicurazioni 2429,47
Altre offerte giornate particolari e particolari 8047,58 Oneri vari 585,50
Compensi rinunciati da d.Ivo e d.Raffaele 3.860,00 Interessi passivi mutui 3693,68
Compensi sinodali ai celebranti 6910,00
Riversamenti offerte specifiche 10094,58
TOTALE ENTRATE 122460,13 TOTALE USCITE 85179,52
AVANZO 37280,61
122460,13 A PAREGGIO 122460,13

CHIARIMENTI SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA AL 31.12.2012

La Parrocchia dispone tra cassa e c.c.bancari di € 129233,59, tenendo conto che ha incassato per offerte liberali per la ristrutturazione della chiesa a causa dei danni da terremoto € 106236,40 e per prestiti infruttiferi € 170000,00 e ha pagato fatture d’acconto per progetti per € 15604,30 e per le opere di restauro di € 165207,00. Peraltro, la somma dei due mutui per le opere degli anni precedenti ammonta a € 22328,22 con rate mensili sino al 2017 e al 2019.

 

Posted in Approfondimenti, Vita in Parrocchia.