Cronache dal Consiglio Pastorale di san Pio X del 20 giugno 2019

Ci siamo salutati così, giovedì scorso, tra noi membri del Consiglio pastorale di san Pio X, provando a gettare uno sguardo in avanti al nuovo anno pastorale, prima di condividere una cena insieme sotto la tenda, servendoci dei tavoli che i bambini del centro estivo utilizzano in queste settimane nelle loro giornate a san Pio. 

Abbiamo condiviso l’idea che per il prossimo anno ci sia tra di noi uno che “tiene la trama del racconto” di quanto accade in parrocchia, riprendendo l’esperienza proposta da Maria nell’ultimo consiglio, che ha raccolto tutti gli eventi salienti dell’anno 2018/2019. Questa pratica della “trama” ci è sembrata generativa, perché ci aiuta a ridare significato a quello che viviamo, sottraendolo dal caos, dalla distrazione e dall’oblio a cui è soggetta ogni nostra esperienza a causa della fretta del nostro vivere. Maria e Carmela saranno le donne che tesseranno la trama della vita della comunità per il prossimo anno pastorale. 

Abbiamo poi condiviso l’idea che nel nuovo anno pastorale ci siano tra noi delle “conversazioni” su grandi temi di attualità, che sfidano la nostra fede cristiana, per vivere un cristianesimo che impari ad abitare la storia. Pensiamo che si possa in parrocchia parlare di argomenti che riguardano la nostra vita, che riguardano tante criticità culturali e sociali che necessitano di riflessioni… senza paura di avere un pensiero diverso, senza la paura di dividerci, di scoprire che facciamo un diverso discernimento.

Tante le questioni sulle quali capire, interrogarci, discernere: ambiente, omosessualità, dialogo con l’Islam, muri che vengono costruiti, migranti…

Si fanno alcune proposte: 

– partecipare allo spettacolo “Il Muro”, che dovrebbe tornare a Modenae poi riflettere sui muri di oggi;

– accogliere lo spettacolo sull’amicizia tra il Vescovo di Orano e Mohammed che avvii una riflessione sul rapporto islam e cristianesimo.

Potremmo dare inizio, a settembre, al nostro cammino con una riflessione su “Un cristianesimo che abita la storia”, magari animato dal prof. Giuseppe Savagnone. 

Sulla festa della parrocchia abbiamo pensato ad una “festa diffusa” durante il mese di settembre, che potrebbe risultare così articolata: 

– una giornata di centro estivo per tutti i bimbi che ora vi partecipano (sono più di 90!) negli ultimi giorni prima dell’inizio della scuola; 

– domenica 15 settembre: vivere la messa con presentazione di sr. Virginia, che abiterà con la nostra comunità di Pastorelle ma che dovrebbe far servizio a san Lazzaro e condividere un aperitivo (anche don Raffaele sarà invitato);

– sabato e domenica 21-22 settembre: pomeriggio del sabato bambini piccoli (anche con l’esperienza di “Nati per leggere”); serata di sabato per giovani e famiglie; domenica pomeriggio tornei e gnocco e tombola;

– domenica 29 settembre: messa animata in modo “rinnovato” – pranzo ad iscrizione – nel pomeriggio racconti della trama della nostra vita di comunità e dell’esperienza che don Ivo vivrà a Terrasini (PA) alla settimana nazionale dell’Iniziazione Cristiana (promossa dalla CEI) in cui verrà presentato il racconto di quanto sperimentiamo noi a san Pio X da 10 anni. 

Durante la cena don Marco ha raccontato come sta andando il Centro estivo, sia per i bambini delle elementari (al mattino) che per i ragazzi delle medie (al pomeriggio). Siamo grati agli animatori adolescenti per il loro lavoro davvero molto responsabile e ai molti genitori che con il loro impegno rendono possibile questa esperienza educativa.

I membri del CPP di san Pio X