Come ho anticipato domenica scorsa alla messa prefestiva e a quella delle 9.00 (alle 11.15 è stato impossibile!), ci sono due lavori che impegneranno a breve la nostra parrocchia. Il primo è – finalmente – la stesura dell’allacciamento al metano, che verrà effettuata a partire dal 24 giugno e ci consentirà in tempi brevissimi di passare al gas di città, liberandoci così del bombolone (e dei suoi costi). Probabilmente il passaggio effettivo avverrà nel mese di settembre, ma intanto ci prepariamo, predisponendo tutte le tubazioni che sono state richieste.

Il secondo lavoro è invece una cosa ‘nuova’. Nel mese di febbraio, la BPER ci ha chiesto di poter utilizzare una parte della nostra area verde (il triangolo che confina con via Minutara, il campo da baseball e il campo da basket) per realizzare un parcheggio. È una necessità dettata dall’ampliamento degli uffici amministrativi di BPER nell’edificio dell’ex Real Fini, in una zona dove i parcheggi sono molto scarsi. La proposta è quella di affittare l’area per un tempo limitato (6 + 6 anni), realizzare il parcheggio a spese della banca, pagare un affitto annuale e lasciarci il parcheggio il fine settimana. Parlandone in Consiglio Affari Economici e – una volta insediato – in Consiglio Pastorale, si è deciso di accettare la proposta. Dispiace molto privarsi di un pezzo di area verde, tante volte usato dai ragazzi; allo stesso tempo ci sono aspetti positivi che ci hanno convinto ad accettare. Anzitutto il lato economico: è inutile negarci che con le sole offerte domenicali la nostra parrocchia non si sostiene, e nel futuro la cosa peggiorerà, dovendo far fronte ad una struttura di 30 anni realizzata all’epoca in economia. Questo è sicuramente l’aspetto principale. Poi si aggiungono la possibilità di avere uno spazio più ordinato in un’area che attualmente è terra di nessuno, e che d’estate diventa il ritrovo di tante persone e di giri più o meno puliti (vi invito a fare un giro di notte nella nostra area verde … ). Da ultimo, avere un parcheggio supplementare ad uso esclusivo delle persone che vengono a messa la domenica è una cosa buona anche per noi, dal momento che vari parrocchiani non abitano più nel nostro territorio. Per quanto riguarda lo spazio di gioco dei ragazzi, va detto che noi abbiamo un’area enorme di fianco alla chiesa, attualmente inutilizzata (ex campo da calcio); l’idea è quella di reimpiegare parte dei proventi dell’affitto per sistemare meglio quell’area e trasferire lì le attività scout. Al momento si sta verificando con il comune la fattibilità della cosa, l’impressione è comunque che sia un progetto fattibile. In settembre daremo maggiori informazioni e probabilmente faremo anche un incontro per spiegare bene la cosa – e per parlare globalmente di economia parrocchiale -; ci tenevamo però a informare tutti già da ora, poiché è un’opera che sicuramente avrà un impatto su tutta la comunità.

Don Raffaele